Articolazione del processo generale:

a) affidamento di incarico al Direttore Generale della supervisione e coordinamento delle diverse attività inerenti la gestione aziendale e diretta responsabilità per quanto attiene l'area della pianificazione economico finanziaria, il controllo di gestione, il marketing, il raccordo operativo con il Consorzio Epta ; il DG opera in stretta e continua relazione di informazione e di condivisione delle scelte di strategia aziendale con il Presidente del CDA;

b) attivazione  a scadenza mensile di un momento di Direzione ristretta  composta dal Direttore Generale, dal Direttore Sanitario e dalla Responsabile dell'Organizzazione, finalizzata al monitoraggio sistematico dell'attività aziendale, delle strategie di sviluppo, dell'attuazione del SgQ e della vigilanza degli standards dei servizi;

c) attivazione almeno una volta al mese di una Direzione organizzativa di natura operativa cui partecipano di diritto, i coordinatori organizzativi di settore, il Dg e la Resp. Organizzazione; tale momento è finalizzato al raccordo operativo tra tecnostruttura e settori operativi e al monitoraggio dell'andamento economico-finanziario dell'azienda, in relazione all'applicazione del modello di autonomia dei settor. La  RgQ può richiedere al bisogno la propria partecipazione alla Direzione organizzativa

d) attivazione almeno una volta al mese di una Direzione tecnica, coordinata dal Direttore Sanitario, cui partecipano di diritto, i coordinatori tecnici di settore e terapisti esperti, con invito permanente ai medici della struttura, finalizzato alla definizione e verifica degli standard tecnici dei servizi,, al coordinamento e supervisione dell'attività di ricerca e formazione. Il mandato affidato alla stessa consiste nella  :

- verifica degli attuali vincoli normativi e standards qualitativi per settori operativi;

- congruità tra le singole attività settoriali e disegno complessivo dell'organizzazione;

- validazione nuovi prodotti e/o servizi;

f) mensilmente è attivato il Team Qualità interno ( composto da Direttore Generale, Direttore Sanitario,  RgQ, Responsabile Organizzativa) per l'attività di sorveglianza interna dal SgQ.

La visione della responsabilità della direzione in senso generale, in specifico sul versante della qualità, consiste quindi nella assunzione esplicita della gestione corrente da parte della Direzione  tramite una ampia e costante consultazione di ogni livello della tecnostruttura; viceversa, gli ambiti della organizzazione aziendale (efficienza) e della erogazione dei servizi (efficacia) verranno gestiti tramite una mirata integrazione della direzione stessa.

In particolare, va sottolineato quanto segue :

1) la documentazione sistematica dell'attività di direzione (database Verbali di Direzione) e relazioni periodiche  al CdA e Assemblea dei soci

2) la trasparenza dell'attività svolta ( il CdA esercita sorveglianza sulla direzione)

3) la netta distinzione di ruolo tra Direzione e CdA

4) le responsabilità della direzione per aree tematiche sono:

- pianificazione generale attività

- autorizzazione e verifica attività formative e di ricerca

- autorizzazione e verifica attività di miglioramento

- nomina coordinatori

- autorizzazione nuove assunzioni

- elaborazione del piani di qualità

- gestione corrente ed emergenze

- pianificazione sistema informativo

- supervisione attività di sostegno alla certificazione ed accreditamento.

Progettazione per le offerte (P0702)

A seconda della complessità e della rilevanza delle offerte elaborate allo scopo di mantenere e/o sviluppare i volumi di attività, la direzione contribuisce direttamente alla progettazione attivando le collaborazioni interne/esterne ritenute necessarie….o, rimandando ai settori tale impegno, limitandosi a collaborare e comunque autorizzare l'offerta finale sia nei suoi aspetti tecnici che economici. La progettazione sia nei suoi aspetti contenutistici che organizzativi è registrata analiticamente nel database dedicato alle "istruzioni accordi e gare". Nei suoi aspetti generali, la progettazione delle offerte si basa sui seguenti requisiti:

- Ricerca del lungo respiro rispetto al profilo di sviluppo delle attività

- Ricerca delle possibili e realistiche condizioni di autonomia rispetto il potenziale committente

- Integrazione sia delle risorse interne che nell'ambito più generale della rete territoriale dei servizi

- Attenta valutazione delle condizioni adatte alla valorizzazione del lavoro professionale

- Centralità, in termini metodologici, dell'approccio clinico nella predisposizione del setting terapeutico (conoscenza aggiornata della letteratura scientifica,pratica terapeutica controllata,documentazione sistematica dei risultati diffusione e confronto di prassi eccellenti)

Progettazione :  (P0701.. CON RIFERIMENTO ALLA PROCEDURA PS0702 DEL CONSORZIO EPTA)

LA PROGETTAZIONE NELLA REALTA' DEI SERVIZI ALLA PERSONA COSTITUISCE UN PROCESSO DIFFERENZIATO ED

ARTICOLATO, IN PARTICOLARE PUO' REALIZZARSI AI SEGUENTI GRADI DI COMPLESSITA' :

I) ASSENZA DI PROGETTAZIONE: IN PRESENZA DI GARA D'APPALTO DELLA COMMITTENZA PUBBLICA O PRIVATA CHE DEFINISCE TRAMITE CAPITOLATI LE CARATTERISTICHE DI EROGAZIONE DEI SERVIZI RICHIESTI;

II) PROGETTAZIONE PARZIALE: A FRONTE SEMPRE DI GARE D'APPALTO  E RICHIESTA L'ELABORAZIONE DI PROGETTAZIONE

ORIGINALE A COMPLETAMENTO DEL CAPITOLATO;

III) PROGETTAZIONE COMPLETA: IN OCCASIONE, PERALTRO RARA , DI GARE PROGETTO O PER INIZIATIVA DIRETTA DEL

CONSORZIO O DELLE ASSOCIATE SEMPRE NEI CONFRONTI DELLA COMMITTENZA PUBBLICA O NELLA OFFERTA DIRETTA DI SERVIZI A MERCATO PRIVATO;

IV) PROGETTAZIONE PERSONALIZZATA: IN OGNUNO DEI TRE CONTESTI PRECEDENTEMENTE DESCRITTI, SUBENTRA QUASI SEMPRE IN FASE DI EROGAZIONE DEL SERVIZIO, UN GRADO DI PROGETTAZIONE ULTERIORE E TIPICO DEL NOSTRO SETTORE OSSIA: " LA PERSONALIZZAZIONE DEGLI INTERVENTI IN RELAZIONE AI BISOGNI DEI SINGOLI UTENTI DEI SERVIZI";

V) PROGETTAZIONE INTERNA: CONCERNE L'IMPLEMENTAZIONE TIPICA DEI SERVIZI INTERNI A FAVORE DELLE ASSOCIATE AL CONSORZIO.

Specificità del Centro di Riabilitazione AXIA.

1) progettazione in ambito di Accordo Contrattuale: parte rilevante dell'attività progettuale deriva dalle modalità previste in ambito di Accordo Contrattuale con l'Azienda Usl Bologna ( vedi indice) che declina la progettazione delle modalità di erogazione delle prestazioni tramite protocolli operativi per specifici ambiti (domiciliare/ambulatoriale/extramurale; età evolutiva/età adulta; territorio).

2) progettazione per nuovi servizi e prestazione : innovare nell'ambito riabilitativo non è evento frequente ed è caratterizzato da due specifici momenti,

- emergono nella prassi terapeutica una casistica di risultati positivi ottenuti tramite gli adattamenti e la personalizzazione degli interventi, che motiva la considerazione di una possibile innovazione o miglioramento;

- si procede in tal caso ad una sperimentazione controllata di nuove modalità di trattamento.

3) progettazione terapeutica : La realizzazione in itinere del 'PROGETTO TERAPEUTICO', costituisce l'oggetto di riferimento del nostro SISTEMA DI QUALITA', in quanto caratterizza il contesto e la modalità tipica di erogazione dei servizi, a contatto diretto con il cliente finale e con la collaborazione concreta dello stesso e/o dei familiari nella realizzazione temporale del processo di erogazione della prestazione/terapia.

Pianificazione ed erogazione dei servizi (P0702):

a) Generale: la pianificazione dei servizi ha carattere centralizzato per quanto concerne le seguenti attività:

- pianificazione economico-finanziaria;

- pianificazione approvvigionamenti;

- pianificazione commerciale;

- controllo di gestione;

- piano qualità;

- sperimentazioni ed innovazione;

- formazione continua;

- pubbliche relazioni.

b) Per Settori: la pianificazione procede articolandosi per settori operativi (NM, NP, PM) facendo riferimento agli accordi annuali

sottoscritti con la direzione aziendale in base alla scelta organizzativa incentrata sull'autocontrollo e sull'autonomia.

- Protocollo NM

- Protocollo NP

- Protocollo PM

Controllo erogazione ed identificazione (P0703)

a) Intersettoriale

Tale attività è suddivisa in tre sotto attività:

Definizione delle risorse umane e tecniche: in base al risultato della progettazione (P0701), risultata vincente, si procede all'individuazione delle figure professionali necessarie all'erogazione del servizio. In caso di insufficienza o inadeguatezza del personale in essere si procede alla selezione e all'inserimento di personale nuovo che potrà intervenire o come fornitore esterno o come neo socio/dipendente. Può essere presa inoltre in considerazione l'eventualità di formare in modo mirato e specifico personale della cooperativa. Inoltre possono essere necessarie risorse tecniche e valutata la disponibilità interna si procederà in caso negativo all'acquisto delle stesse o noleggio.

Definizione del team di lavoro: in base alla struttura organizzativa propria della cooperativa ed eventualmente della natura del servizio possono essere identificati dei team specifici con specifiche responsabilità.

-Tempi e metodi: In questa fase si definiscono nel dettaglio le modalità di erogazione:

-Ambulatoriali e o domiciliare

-Individuale o di gruppo

-Con presenza o meno di più operatori

-Durata dei trattamenti

-Logistica

-Modulistica varia

b) Per Settori

L'erogazione del servizio per qualsiasi tipo di intervento, sia verso il cliente privato sia in un contesto di accordi contrattuali, avviene in modo articolato per settore. Il momento essenziale è rappresentato dal coordinamento organizzativo che avviene separatamente e con modalità diverse per i singoli settori (vedi contratti di settore):

- neuromotoria

- neuropsicologico

- psicomotorio

Il coordinatore organizzativo verifica le lista di attesa, organizzate per data di protocollo e per progetto, concorda con il

coordinatore tecnico le priorità, acquisisce ed organizza la documentazione necessaria e in sede di equipe assegna agli operatori i pazienti in lista di attesa, comunicando le modalità di erogazione, la frequenza settimanale, il luogo di erogazione, il protocollo riabilitativo. Tutti gli aspetti citati vengono definiti o dal cliente committente o dal coordinatore tecnico di settore di Axia.

Nel settore neuromotorio  egli contatta direttamente i pazienti concordando le date e gli orari di trattamento, nei settori

psicomotorio e neuropsicologico tale attività è delegata all'operatore che seguirà il paziente.

Monitoraggio (P0704)

Sulla base degli indicatori definiti in ambito di Accordo Contrattuale con l'Azienda Usl di Bologna ed ulteriormente, sulla autonoma decisione di introduzione di ulteriori standards di valutazione dell'efficacia, viene predisposta l'analisi dei risultati e la sua diffusione interna ed esterna, con riferimento:

a) alla valutazione clinica standardizzata

b) al giudizio dei pazienti

Ogni settore definisce metodi e strumenti di monitoraggio dell'outcome riabilitativo sia in relazione agli specifici obblighi

sottoscritti in sede di protocollo operativo sottoscritto con l'azienda usl sia all'adozione di specifici ulteriori indicatori  propri.